Welcome to Resource Zone.

Critica all'ODP, credo fondata.

Thread starter #1
Joined
Jun 16, 2003
Salve,
sono qui per criticare il vostro lavoro, spero venga presa come una critica costruttiva e non come un semplice lamentela. Ho segnalato un mio sito da diversi mesi (forse 8-9) e non sono ancora stato inserito. Premesso che comprendo perfettamente la mole di lavoro da portare avanti dagli editori, mi permetto di criticare il lavoro svolto: ho monitorato la directory di appartenenza del mio sito, per tutti gli 8 mesi non sono stati ne aggiunti ne eliminati siti, la situazione è congelata da allora. Ho pensato allora di diventare editore, perchè no? Sono esperto della categoria, di buone braccia ce ne è bisogno, e invece risulta che la categoria è completa di editori. Strana contraddizione non vi sembra, tanta gente a lavorare ma nessun sito aggiunto o spostato oppure semplicemente cambiato.
Anche per me che sono molto paziente viene in mente che qualcuno non faccia bene il suo mestiere, che qualcun'altro non controlli che gli editori facciano il loro mestiere, e piu in generale che la ODP non sia ben organizzata, forse troppo ampia, forse troppi editori scelti male, il punto è che secondo me non funziona.
In fine sarei felice di poter capire (se possibile e se questo non urta la suscettibilità degli editori) per quale motivo i siti debbano essere controllati in maniera casuale e non presi nell'ordine in cui si sono iscritti.
Se qualcuno poi saprebbe come farmi diventare editore sarei felice di fare la recensione di tutti i siti presenti in coda della mia directori di appartenenza.
Cordialmente, Emiliano Fiorenza.
 
A

albovicamp

Mi permetto di rispondere riprendendo alcuni punti.
la categoria è completa di editori.
La presenza di editori nella categoria è controllabile al fondo della pagina.
Ma la presenza di editori non impedisce che ne vengano accettati altri: di [buone] braccia ce n'è un gran bisogno veramente.
I motivi per non accettare una richiesta di diventare editore sono ben altri.
che qualcuno non faccia bene il suo mestiere, che qualcun'altro non controlli..., e piu in generale che la ODP non sia ben organizzata, forse troppo ampia, forse troppi editori scelti male, il punto è che secondo me non funziona.
Se ODP è diventata la directory "umana" più ampia del web, se siti tra i più prestigiosi e moltissimi altri in tutto il mondo usano i suoi dati dovrebbe invece segnalare che funziona, e bene.
Certo può essere migliorata e se moltiplicassimo per 10 gli editori e i meta-editori probabilmente funzionerebbe meglio ma forse non nel senso auspicato nella sua critica.
per quale motivo i siti debbano essere controllati in maniera casuale e non presi nell'ordine in cui si sono iscritti.
Perchè la directory è user oriented e gli editori sono dei veri volontari che usano il loro tempo ODP nel modo che ritengono più divertente modificando le categorie nelle quali hanno privilegi cercando nuovi siti, pescando tra quelli proposti e in attesa a loro piacere.
Se la directory fosse business oriented certamente i "clienti" avrebbero il diritto di essere presi in considerazione secondo criteri di precedenza (o di prezzo nel caso di directory come Yahoo!) ma così non è.

Quello che forse andrebbe cambiata è l'informazione che arriva all'esterno: cioè che vi sono tempi di attesa certi (o probabili).
Non è così.
I siti proposti possono, oppure no, essere presi in considerazione dagli editori per le loro categorie.
Quello che si chiede agli editori è di essere "fair" cioè di trattare tutti i siti nello stesso modo (per quanto umanamente possibile).
Molti editori sono preoccupati dell'alto numero di siti non recensiti e si dedicano con passione a risolvere questo problema, altri preferiscono altri modi per migliorare le categorie.
In tutto questo è vero che molte categorie restano neglette e senza aggiunte o modifiche per molti mesi e di questo si può ascrivere la colpa alla dimensione raggiunta da ODP: merito degli editori che tanto vengono criticati.
Il successo stesso della directory ha portato nuovi problemi.
Se qualcuno poi saprebbe come farmi diventare editore
Ecco, questo potrebbe essere uno dei motivi per cui un editore non viene accettato, ma nella maggior parte dei casi accettiamo tutti i candidati che appaiono ben intenzionati e privi di una loro agenda privata.
Su questi punti teniamo la difesa alta sia al momento della richiesta, sia dopo.
Può darsi che nel tentativo di non far entrare persone interessate solo a farsi i propri comodi e abusare della directory teniamo fuori dei potenziali buoni editori.
Ma cercare di diventare editore per poter inserire il proprio sito non è la migliore partenza.
Niente vieta però di tentare più volte di diventare editori.
Come si dice: riprova, [forse] sarai più fortunato.
 
Thread starter #3
Joined
Jun 16, 2003
Grazie per la risposta,
scusate se non so quotare a modo vostro...

>Ma la presenza di editori non impedisce che ne vengano
>accettati altri: di [buone] braccia ce n'è un gran
>bisogno veramente.
>I motivi per non accettare una richiesta di diventare
>editore sono ben altri.

Questa è la risposta automatica del sistema al momento del mio "tentatito" di iscrizione come editore:
"Attualmente questa categoria non accetta domande di nuovi editori. Potrebbe essere troppo ampia per un nuovo editore, pensata per contenere solo @-link o riservata ad editori più esperti per altri motivi. Ti preghiamo di fare richiesta per un'altra categoria."

Secondo me ci prendiamo in giro, è chiaro, e spero che lo sia anche per i lettori di questo treed, che la categoria è congelata perchè molti, o tutti, gli editori sono possessori di siti e ostentano ad inserire di nuovi perchè questo va contro i propri *personali interessi*.
Secondo me la sistuazione è abbastanza chiara, nascondere l'evidenza è uno sforzo vano. In un contesto come quello di ODP non esistono diritti, ma solo privilegi, impedire la nascita di nuovi editori serve solo a circoscrivere questi privilegi.
Ci tengo a sottolineare che non sono interessato ad inserire il mio sito, proprio per questo non ho segnalato ne l'url ne tanto meno la directory in discussione. Forse basterebbe da parte vostra un'impegno a rispondere a questa semplice domanda: perchè "troppi editori" eppure nessun sito editato da 8 mesi?
Il resto può restare solo una ossessione di un webmaster incallito che cerca di inserire il prorio sito in ODP perchè questo gli permettte di avere un PR di google maggiore :).
Grazie cmq per il vostro impegno e la vostra disponibilità,
Emiliano Fiorenza.
 
A

albovicamp

"troppi editori"
Attualmente questa categoria non accetta domande di nuovi editori. Potrebbe essere troppo ampia per un nuovo editore, pensata per contenere solo @-link o riservata ad editori più esperti per altri motivi. Ti preghiamo di fare richiesta per un'altra categoria.
Se confronta le due frasi quotate vede che ha preso un abbaglio.
Nella risposta non si parla di "troppi editori" ma
* troppo ampia per un nuovo editore (accettiamo nuovi editori in categorie con al massimo 40 siti)
* pensata per contenere solo @-link (alcune categorie non sono destinate a contenere siti ma solo collegamenti interni verso altre categorie per migliorare la navigabilità della directory e quindi inutili per un neo editore)
* riservata ad editori più esperti (alcune categorie sono sottoposte a continui tentativi di abuso, invio massiccio di spam, o hanno particolari Linee guida da rispettare, e pertanto inadatte ad un editore inesperto).

Sul resto delle sue accuse sorvolo.
Sono soltanto junk come molti dei siti che riceviamo.

La contraddizione "troppi editori" e nessuna modifica non esiste.
Gli editori sono semplicemente pochi rispetto alla dimensione della directory.
E nelle categorie a rischio di spam o abuso operano a volte pochissimi editori per evitare tentazioni e rischi.
 
Thread starter #5
Joined
Jun 16, 2003
>* troppo ampia per un nuovo editore (accettiamo nuovi
>editori in categorie con al massimo 40 siti)
>* pensata per contenere solo @-link (alcune categorie non
>sono destinate a contenere siti ma solo collegamenti
>interni verso altre categorie per migliorare la
>navigabilità della directory e quindi inutili per un neo
>editore)

Mi dispiace contraddirla ancora ma non ho preso nessun abbaglio, non si tratta di nessuno di questi due casi, la categoria è composta da una dozzina al massimo di siti.
Se poi è riservata ad editori esperti allora la questione è diversa.
Mi sembra che alla fine si torni sempre a dubitare delle critiche che vengono poste da chi utilizza ODP. Se avessi voluto fare spam oppure insistere per l'inserimento del mio sito non avrei certo postato in questo modo.
Comunque almeno dal punto di vista supporto siete vivi e attivi e questo è un complimento.
Grazie, Emiliano.
 
A

albovicamp

I tre casi di rifiuto esposto non sono cumulativi ma alternativi:
cioè troppo ampia oppure composta di soli @link oppure riservata a editori esperti.
E ribadisco: nel testo non c'è alcun riferimento alla presenza di pochi o tanti o troppi editori come ripetuto più volte, quindi se non si tratta di abbaglio, si tratta di errore. :)

alla fine si torni sempre a dubitare delle critiche
Posso assicurare che le critiche vengono prese in seria considerazione, confutate se necessario, utilizzate per migliorare la directory e/o il nostro lavoro quando ci sembrano appropriate.
Però il nostro punto di vista (e la conoscenza che abbiamo della directory e degli editori è mediamente più completa di chi osserva dall'esterno) non sempre coincide con quello di chi vede le cose solo dal di fuori.

Per fare un esempio:
il consiglio di recensire i siti proposti in ordine cronologico di presentazione è stato ampiamente discusso anche al nostro interno più volte e si è deciso di lasciare alla scelta individuale degli editori il modo di selezionare i siti per una serie di valide ragioni.
Questo non significa che non possa in futuro essere preso di nuovo in considerazione.
Molte cose sono cambiate dal 1998 ad oggi e altre cambieranno in futuro purchè la natura dell'Open Directory resti fedele alle sue origini.
 
T

theft

Appoggio la tua critica tranquillamente e convintamente, senza
sinceramente vedere le risposte che ti ha dato il moderatore che sicuramente
saranno quelle di un politico qualunque. Purtroppo la mia critica va
oltre e penso che tutto quello che tu hai detto dipende principalmente
dalla sfiga di trovarci in Italia e se l'Italia è il paese che è purtroppo
è anche colpa degli italiani. Come nel sistema italia anche nel sistema
ODP/Italia c'è qualcosa che non va. Io è più di due anni che cerco di
inserire dei siti o che cerco di diventare editore (non sono un
novellino), ma niente ogni volta una qualsiasi scusa è buona. E' da mesi che
cerco di inserire dei siti, ma sinceramente non ne vedo l'ombra sulla
directory.

Purtroppo noto dell'altro, che a mio avviso assomiglia al tipico marcio
italiano, fatto di favoritismi, di amicizie, di lobby e soprattutto del
fatto di sentirsi mandati da DIO in terra.

Ho appena fatto un giro nelle varie directory di traduzioni e guarda
caso mi sono ritrovato su più di 17 directory presente uno stesso sito,
ne cito solamente alcune italiane.

https://curlie.org/World/Italiano/Computer/Aziende/Internet/Marketing/Traduzioni/
https://curlie.org/World/Italiano/Affari/Servizi_alle_Imprese/Traduzione_e_Interpretariato/Agenzie_e_Società/
https://curlie.org/Regional/Europe/Italy/Regions/Piedmont/Localities/Torre_Pellice/

Secondo voi quanto ci hanno messo ad approvare questo link o questo
sito che non ha nemmeno 6 mesi di vita ????

Io credo che come dappertutto si pensi un pò troppo ai propri interessi
e a quelli dei propri amici/colleghi, soprattutto ora che il servizio
di posizionamento è diventato anche un mestiere, gli editori sono
diventati volontari in ODP e commerciali fuori da ODP.

Mi permetto di fare questa pesante critica per tre semplici motivi dopo
di che mi fermo.

1. Non ho avuto lo stesso problema nell'entrare nella directory
spagnola;
2. Non vi è quel clima di potenza/importanza degli;
3. Non segnalo più i miei siti nella directory italiana;

Ne sto discutendo attualmente con alcuni editori spagnoli ed inglesi di
questo problema e state tranquilli che molto presto avremo delle novità
importanti sulla DMOZ italiana.

Saluti
 
A

albovicamp

Del precedente post, che reputo assurdo, estraggo l'unica critica positiva e fondata segnalata.
Quella relativa al listing del sito in più categorie.
Probabilmente i listing in molte categorie di tree linguistici diversi si riveleranno corrette poichè è legittimo proporre e inserire una versione linguistica di un sito in ciascun tree linguistico per il quale esiste la versione.

Resta il listing in 3 categorie "italiane", se non si riveleranno di più ad una verifica più accurata.
Mentra normalmente il listing in una categoria di località del tree /Regionale è corretto questo andrà esaminato alla luce della mancanza di legame con una qualsiasi realtà geografica (che evidentemente solo l'editore che l'ha inserita conosce).
Non è certamente legittimo invece il listing contemporaneo in due categorie tematiche come quelle segnalate.
A questo provvederò/provvederemo appena avremo di nuovo accesso al sito World/Italiano che in questo momento è bloccato per motivi tecnici (questione di 24/48 ore).

Personalmente sono anche perplesso sulla scarsità di contenuto del sito ma questa è una questione più opinabile e consente una certa discrezionalità agli editori.

E non si preoccupi, siamo in grado di occuparci dei problemi di World/Italiano senza bisogno di tutele da parte di editori inglesi o spagnoli.
Non so come si immagina il lavoro in ODP ma tutti i meta editori sono e si sentono responsabili di tutta la directory e non solo di qualche tree tematico o linguistico dove magari operano con più assiduità.
 
Thread starter #9
Joined
Jun 16, 2003
Dovreste imparare ad estrarre le critiche negative.
Colgo solo l'occasione per raccontare l'ultima novella: dopo un'infinità di mie critiche personali riguardo ad una directory non piu aggiornata dal 2 luglio (documentabile) mi accorgo che la directory è stata finalmente aggiornata!! Non gridate al miracolo, solo la data di "ultimo aggiornamento" come dire: "non volgiamo o non possiam aggiornare ma facciamo finta di averlo fatto". (posso produrre prove di questo che dico a chiunque volgia controllare personalmente). Questa è la grande filosofia di DMOZ Italia! :ooo:
Cmq non mi dilungo ulteriormente sul punto inserimento/ritardi e risposte varie e vaghe sul forum.
Ho messo insieme un bel po di materiale e sto raccogliendo critiche da diversi webmaster (molti).
Sono sicuro che qualcun'altro saprà ascoltarci meglio.
Emiliano.

>Del precedente post, che reputo assurdo, estraggo l'unica
>critica positiva e fondata segnalata.
 
Moderator #10

Marco5x

Curlie Meta
Joined
Mar 25, 2002
Dovreste imparare ad estrarre le critiche negative.
Quando esse sono fondate, prendiamo in considerazione le critiche negative più di quanto lei stesso possa immaginare. Occorrono però alcune precisazioni:
1 - chi si lamenta del fatto che ODP non offre un buon servizio ai webmaster, non ha capito nulla di ODP; il progetto non è inteso per essere un servizio per webmaster ma per l'utente.

2 - chi si lamenta di non essere stato accettato come editore nonostante volenteroso di migliorare il servizio per i webmaster, anche lui non ha capito che ODP non è un servizio per webmaster. E tuttavia, talvolta ci arrischiamo ad accettare editori che hanno questa finalità con la speranza che una volta dentro cambino la loro visuale;

3 - pochissime lamentele sento relativamente al fatto che ODP non offre un buon servizio agli utenti; da ciò non ne deduco tanto che offriamo un buon servizio agli utenti ma piuttosto che ai webmaster che qui intervengono sono in maggioranza webmaster auto-interessati a cui non gliene importa nulla del servizio che offriamo all'utente;

4 - non sempre possiamo dare risposte precise sul perché un sito non è listabile e come lo abbiamo scoperto; quando è possibile, cerchiamo di darle, ma molto spesso ciò si tradurrebbe in un addestramento su come sottomettere illegittimamente siti in ODP senza farsene accorgere;

5 - non possiamo qui dare alcuna risposta relativamente a possibili abusi che coinvolgono editori ODP, per motivi di riservatezza, privacy, e per non dare agli stessi editori sospettati elementi per nascondere le tracce di comportamenti abusivi. Anzi: è contro lo stesso regolamento del forum denunciare qui casi precisi di eventuale abuso. Invito chi sospetta editori ODP di aver abusato della propria posizione ad utilizzare l' apposito form, e nel caso si tratti di sospetti di abuso che coinvolgono meta editori, in aggiunta o in alternativa, è raccomandabile una segnalazione a staff@dmoz.org (in inglese).
 
A

albovicamp

critica positiva
L'intenzione era di scrivere "costruttiva" e non "positiva".
Colpa della fretta di questi giorni dovuta ad impegni in rl.
Mi scuso dell'imprecisione e chiedo di rileggere l'intervento in questa luce.

Come ha precisato marco5x noi prendiamo attentamente in considerazione tutte le critiche, anche quelle che si rilevano infondate o interessate.
Per il resto sottolineo e condivido le sue precisazioni.
 
Thread starter #12
Joined
Jun 16, 2003
Rispondo per correttezza:

>chi si lamenta del fatto che ODP non offre un buon
>servizio ai webmaster, non ha capito nulla di ODP; il
>progetto non è inteso per essere un servizio per
>webmaster ma per l'utente.

Sono daccordo.

>chi si lamenta di non essere stato accettato come editore
>nonostante volenteroso

Probabilmente si lamenta perchè non vi è motivo per cui non debba diventare un edidore. D'altra parte leggendo il regolamento di ODP è sottolineato piu volte l'interesse ad avere editori che siano prima di tutto esperti webmaster, questo (leggo dal regolamento) garantisce un serivizio di qualità.

>pochissime lamentele sento relativamente al fatto che ODP
>non offre un buon servizio agli utenti

Questa osservazione fa ridere, mi scuserai: secondo voi potrebbe esistere un qualche utente che venga in un forum dedicato (registrandosi) a discutere del fatto cha alcune directory non sono aggiornate da 8-10 mesi senza motivo? Chi sarebbe tanto capace da tenere traccia di questi avvenimenti? 1 su 1000000? Forse si. :)) Sono i webmaster che sanno scovare abusi e malcostumi e sono loro che possono far bene alla directory perchè *esperti* e con gli occhi sempre aperti (vedila come l'effetto positivo dell'interesse personale). Premesso questo posso dire, da webmaster, che ODP non offre un buon servizio agli utenti nel caso in cui non aggiorna una categoria di estremo interesse per gli utenti da un periodo di piu di 8 mesi, nonostatante ci siano numerossissimi siti segnalati, e impedisce ad altri utenti interessati a diventare editori di farlo. Questa seconda ipotesi è piu grave della prima.

>non possiamo qui dare alcuna risposta relativamente a
>possibili abusi che coinvolgono editori ODP

Questo non è necessario, stiamo imparando a trovare da soli queste risposte.

Ciao e grazie,
Emiliano.
 
Moderator #13

Marco5x

Curlie Meta
Joined
Mar 25, 2002
e impedisce ad altri utenti interessati a diventare editori di farlo. Questa seconda ipotesi è piu grave della prima.
Lei davvero pensa che se aprissimo le porte a qualunque webmaster interessato gli abusi di cui lei sospetta diminuirebbero?
 
Thread starter #14
Joined
Jun 16, 2003
Lei davvero pensa che se aprissimo le porte a qualunque webmaster interessato gli abusi di cui lei sospetta diminuirebbero?
Se gli abusi fossero "siti non adatti che vengono cmq inseriti" allora la risposta è no. Ma siccome il problema è diverso, e a questo punto lo dico chiaramente: "siti che non vengono inseriti perchè "scomodi", directori dimenticate e congelate da 8 mesi e piu" allora la risposta è SI.
Il regolamento parla chiaro, dice che editori webmaster sono ben accetti, anzi sono preferibili. Essere webmaster di un sito non significa essere potenziale abusatore anzi per DMOZ significa garanzia di un servizio di qualità. Ma forse questa è una mentalità dimenticata da DMOZ italia.
Buonaserata,
Emiliano.
 
Moderator #15

Marco5x

Curlie Meta
Joined
Mar 25, 2002
Il regolamento parla chiaro, dice che editori webmaster sono ben accetti, anzi sono preferibili. Essere webmaster di un sito non significa essere potenziale abusatore anzi per DMOZ significa garanzia di un servizio di qualità. Ma forse questa è una mentalità dimenticata da DMOZ italia.
Diciamo che ai webmaster interessati unicamente alla promozione del proprio sito farebbe comodo che fosse così. Ma fortunatamente non lo è.

Le (vi) consiglio la lettura di
https://curlie.org/help/become.html

Da qui, invece, potete avere un idea del perché si è reso necessario un processo di screening degli aspiranti editori:
http://www.laisha.com/zine/odphistory.html
 
Thread starter #16
Joined
Jun 16, 2003
Diciamo che ai webmaster interessati unicamente alla promozione del proprio sito farebbe comodo che fosse così. Ma fortunatamente non lo è.
Sino ad adesso ho sempre sentito ripetere questa frase, siamo sempre webmaster che se ne approfittano vero? Mai nessuno che mi avesse detto: "adesso d'ho un'occhiata alla directory che mi hai segnalato..."

Qui c'è scritto tutt'altro, non si tratta di una pagina ufficiale ma dammi il tempo di trovare questo anche nella pagine ufficiali, la mia memoria non mi inganna.
Leggi la sezione sui conflitti di interesse:

Http://www.peyrot.it/odp/come-diventare-editore.htm
 
Moderator #17

Marco5x

Curlie Meta
Joined
Mar 25, 2002
Sino ad adesso ho sempre sentito ripetere questa frase, siamo sempre webmaster che se ne approfittano vero?
Nessuno ha detto che siete sempre webmaster che se ne approfittano, e tanto è vero che ci sono molti webmaster che sono diventati editori e che addirittura postano o hanno postato in questo forum.

Il senso di quel che diciamo è ben diverso, e ciò che ci sono molti webmasters che vorrebbero entrare per approfittarsene e che se non teniamo gli occhi ben aperti ben presto la directory diventerebbe dominata da essi. Ne dubita?

Mi rendo conto che talvolta ciò porta ad escludere alcuni webmaster che invece sono in cuor loro bene intenzionati, ma finché ai meta editori non sarà dato il privilegio della lettura del pensiero non possiamo fare altro che essere cauti. Ci rendiamo conto che talvolta lasciamo fuori degli editori potenzialmente validi, così come talvolta accettiamo editori che si rivelano degli abuser. Ma l'alternativa - accettare tutti - sarebbe un rimedio ben peggiore del male.

Leggi la sezione sui conflitti di interesse:
Http://www.peyrot.it/odp/come-diventare-editore.htm
Lei davvero pensa che non l'abbia letta?
https://curlie.org/guidelines/conflict.html
 
Thread starter #18
Joined
Jun 16, 2003
Non puntualizzo ulteriormente perchè il discorso si sta spostando da un problema ad un'altro.
Esistono directory non aggiornate da 8-10 mesi, directory piene di richieste e di interesse degli utenti, ho raccolto testimonianze di decine di webmaster che fanno le mie stesse considerazioni, esistono editori che credono che la soluzione a questo problema sia aggiornare la data che compare nella directory e lasciare il contenuto invariato....
Ma questo non è un problema da considerare seriamente, è solo la lamentala di un webmaster incallito e in cerca di abusi. Direi una buona soluzione.
Mi fermo qui per non infangare il lavoro di bravi editori e di gente seria che gentilmente risponde e gestisce seriamente il forum (nessuno escluso).
Grazie, Emiliano.
 
A

albovicamp

Esistono directory non aggiornate da 8-10 mesi, directory piene di richieste e di interesse degli utenti,
Forse qualche categoria anche da più tempo.
E non possiamo che rispondere che la mancanza di editori è l'unica causa di questo "disservizio".
Sul motivo per cui non accettiamo tutti, marco5x è stato chiarissimo e la sua risposta non necessita di ulteriori commenti.
Il ritmo di inserimento di nuovi siti in World/Italiano è uno dei più alti in ODP e nonostante questo ogni settimana il numero delle richieste che giacciono in coda è sempre più alto.
Se avessimo la soluzione la metteremmo in atto immediatamente.

Sì vi sono categorie strapiene di proposte di siti.
E molte (anche se non tutte) sono le categorie più sottoposte a tentativi di abusi (di webmaster e di editori).
E in queste categorie la situazione tende a peggiorare perchè non è divertente districarsi tra la paccottiglia, i mirror mascherati, le doorway ecc...

Che vi sia questa grande richiesta degli utenti invece ho qualche dubbio: o comunque non è sufficiente a spingerli a diventare editori.
Io sono un utente che ha scelto di diventare editore perchè siti sul bridge (il mio hobby all'epoca, e il mio lavoro adesso) non ce n'erano in ODP.
ODP è diventata la mia seconda passione ed eccomi qui.

Che qualche editore abbia rinnovato la data di ultima modifica per far apparire la categoria aggiornata mi sembra strano ma se ti risulta ti invito a comunicarmi la categoria con messaggio privato o feedback ODP.
Forse è stata fatta una modifica "fittizia" per effettuare il refresh della pagina pubblica e rinnovare alcuni messaggi nella pagina che nel tempo sono cambiati.
E' pratica abbastanza comune in categorie senza modifiche da molto tempo.
 
Joined
Feb 14, 2004
Sono tristemente daccordo con Emiliano, pur capendo tutti gli aspetti che vengono giustamente posti a giustificare le posizioni di ODP e dei suoi editori.

Sono anni che, come webmaster e titolare di una ditta di informatica, tento di registrare siti in ODP e dopo inutili attese senza alcun risultato quanto segue è ciò che è accaduto negli ultimi due mesi.

Dopo aver inviato la richiesta di registrazione in ODP del mio sito ho visto accettata la seconda richiesta (quella italiana) dopo circa un mese, ma avendo riscontrato un errore di battitura nella descrizione:"L'agenzia 'presenza' alcuni appartamenti e residence. Disponibilità, prezzi e prenotazione online." e che l'indirizzo puntava alla versione inglese e non alla sottodirectory con la versione italiana, mi permisi di contattare gli editori per segnalare gli errori e chiedere contestualmente se, dovendo già editare per correggere, era possibile cambiare il titolo.

Il risultato è stato la cancellazione del sito dalla categoria senza nessuna giustificazione.

A questo punto mi interrogo circa i criteri con cui un sito viene accettato o escluso:

1)va bene se la descrizione è sbagliata?
2)se punta ad una versione per un'altra?
3)O forse si può essere depennati qualora si ardisca utilizzare il form per le richieste di variazione?

Faccio notare che entrambe le categorie (italiana ed inglese) sono ufficialmente orfane in attesa di un editore che si prenda cura di loro. Come mai variano in modo così veloce e bizzarro? Possedute?

Mi piacerebbe conoscere le dinamiche che hanno portato il mio sito ad entrare in ODP da una parte ed uscirne dall'altra. Chi lo ha inserito, chi ha letto la mia richiesta di modifica e chi ci ha messo poi le mani.

È indubbio che moltissimi editori siano non solo di parte nelle loro scelte, ma anche privi degli strumenti analitici e della volontà per poter svolgere correttamente l'impegno che si sono assunti.

La vastità della directory e la mole di richieste di recensione, l'importanza che molti giganti di internet hanno dato ad ODP riferendo ad essa la loro parte "catalogo", non possono essere motivazioni valide per giustificare la mancanza di controllo che ODP ha sugli editori e quindi sui propri contenuti.

Anzi, sono proprio le dimensioni e l'importanza che oggi ODP riveste ad imporre maggiore attenzione, controllo e qualità dei contenuti. Un entità che ha un peso così determinante ed eventualmente discriminante deve avere regole precise ed essere aperta a tutti allo stesso modo.

Sarebbe meglio fosse a pagamento (canone annuo come yahoo o altri) così almeno i patti sarebbero chiari e non mistificati dalla regola:"a caval donato non si guarda in bocca".

Non vi è dubbio che l'ideale e lo spirito su cui si basa ODP siano sani, peccato che, come spesso accade, sembrino predicati bene e, per colpa di qualcuno, razzolati male rendendo inaffidabile il prodotto finale.

Per questo capisco la posizione di Emiliano e credo sarebbe giusto che chi sta dall'altra parte cominciasse a rispondere con disponibilità al dialogo ed alla soluzione dei problemi piuttosto che con inopportune arringhe volte a legittimare vizi e difetti che evidentemente ci sono.

Buona giornata...
 
Top Bottom